Repubblica Democratica del Congo (5)

Limpianto RCD di Bukavu Nicola installato

RDC - Bukavu - L'impianto fotovoltaico di Panzi "Nicola"

Novembre 2016. Grazie a tutti per la collaborazione al grande progetto di Seva e un arrivederci al prossimo viaggio”.

Queste le parole del capo tecnico a chiusura dell’ultima fatica in Repubblica Democratica del Congo dove, dopo 15 giorni dall’arrivo dei tecnici, a Bukavu sono stati installati i due nuovi impianti fotovoltaici Stand-alone da 6 kW . Il primo è stato montato a Panzi Solidarité per far funzionare i pozzi per l’acqua potabile, il secondo nel dispensario di Suor Rita, in località Tumino. Qui, fra le urla delle neo mamme e i vagiti dei neonati, calpestato il tetto di lamiere calde, l’installazione è risultata più semplice del previsto.

Le travi erano ancora buone e le apparecchiature hanno trovato spazio in una camera abbandonata dietro la segreteria. I siti si trovano alla periferia di Bukavu, un’enorme favela dove la vita scorre tra le troppe contraddizioni di un popolo sottomesso, stremato dall’odore intenso della terra bagnata e delle fogne a cielo aperto. Le due installazioni ora funzionano a pieno regime. Eppure i problemi, come spesso capita in Africa, non sono mancati. Di fatto, un errore nella packing list aveva dirottato quattro inverter in altre sedi. Nonostante l’errore di spedizione fosse risultato palese, gli erronei destinatari non avevano comunicato nulla al padre saveriano Franco Bordignon, beneficiario della donazione Seva e responsabile dei due centri di Bukavu. Gli inverter erano stati inviati in Burundi (2), in un altro centro di Bukavu (1) e a Kalungu (1), sempre in Repubblica Democratica del Congo. Dopo una ricerca telefonica in varie direzioni e viaggi in mezza città, la “dritta” giusta era arrivata da un prete della Diocesi di Bukavu. Scuse per il malinteso e recupero delle apparecchiature rimaste in Repubblica Democratica del Congo. I due inverter finiti in Burundi sono stati invece recuperati con un complicato trasferimento sul lago Tanganika, via Kilomoni: un disguido costato quattro giorni di viaggio e quasi mille dollari di dogana...

Con queste ultime due installazioni sono cinque, in totale, gli impianti montati in Repubblica Democratica del Congo.

Insieme alla località di Burigni, infatti, Bukavu era già stata meta nel 2015 del progetto Seva for Africa. A Burigni, nel centro di sanità provinciale e di avviamento al lavoro presidiato dai padri Francescani Minori era stato montato un impianto da 6 kW, mentre altri due della stessa taglia erano stati installati in missioni dei padri Saveriani. Uno nel pronto soccorso “Padre Giovanni Tumino” (200 nuovi ammalati ogni mese, fra i 90 e 100 parti mensili, degenza, day hospital di 15 ammalati), l’altro in una scuola di avviamento al lavoro. Prima dell’intervento, il “Padre Giovanni Tumino” era illuminato solo da lampade a petrolio o carbone.

L’impianto fotovoltaico Stand - alone donato dal programma umanitario consente ora un serio programma di sterilizzazione, un’illuminazione più efficiente (soprattutto la sera) per gli allievi del dopo scuola, l’attivazione di un frigo e di un congelatore. Nella scuola di avviamento al lavoro, invece, l’impianto fotovoltaico è stato tarato per garantire l’alimentazione elettrica necessaria ad illuminare le stanze destinate alla formazione al lavoro e al pompaggio dell'acqua pulita.

 

 

Ringraziamenti

Diario di viaggio